Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Cenni storici
Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Cenni storici
Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Piazza del Tribunale e i suoi edifici
Cenni storici

Legalizzazioni/postille


 Descrizione generale

 

Si tratta di un atto con cui il Pubblico Ministero a determinate categorie di documenti (atti firmati da notai e dal personale degli Uffici giudiziari della Provincia di Bolzano) da depositare presso autorità estere, attesta l’autenticità della firma e del sigillo e la qualità del Pubblico Ufficiale che ha sottoscritto l’atto.

Per tutti gli altri atti è competente il Commissariato del Governo.

Per i paesi che non hanno aderito alla Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961 occorre la legalizzazione da parte della Procura della Repubblica, inoltre, la controfirma del Console presso il Consolato dello Stato straniero in Italia (a pagamento).

Per i paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961 viene fatta la postilla, una forma di legalizzazione abbreviata, la quale è direttamente applicabile nello Stato straniero.

È possibile consultare l’elenco degli Stati che hanno sottoscritto la convenzione dell’Aja sotto il sito ufficiale www.hcch.net sotto la sezione “Specialised sections - Apostille section”.

 

Si richiede allo sportello 1.

La richiesta può essere effettuata:

  • presentandosi allo sportello (rispettando le disposizioni vigenti per l'accesso)
  • via e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (attendendo per il ritiro conferma via mail dall’ufficio)

 

Si ritira di persona allo sportello 1. (rispettando le disposizioni vigenti per l'accesso) 

 

Legalizzazioni/postille


 Descrizione generale

 

Si tratta di un atto con cui il Pubblico Ministero a determinate categorie di documenti (atti firmati da notai e dal personale degli Uffici giudiziari della Provincia di Bolzano) da depositare presso autorità estere, attesta l’autenticità della firma e del sigillo e la qualità del Pubblico Ufficiale che ha sottoscritto l’atto.

Per tutti gli altri atti è competente il Commissariato del Governo.

Per i paesi che non hanno aderito alla Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961 occorre la legalizzazione da parte della Procura della Repubblica, inoltre, la controfirma del Console presso il Consolato dello Stato straniero in Italia (a pagamento).

Per i paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961 viene fatta la postilla, una forma di legalizzazione abbreviata, la quale è direttamente applicabile nello Stato straniero.

È possibile consultare l’elenco degli Stati che hanno sottoscritto la convenzione dell’Aja sotto il sito ufficiale www.hcch.net sotto la sezione “Specialised sections - Apostille section”.

 

Si richiede allo sportello 1.

La richiesta può essere effettuata:

  • presentandosi allo sportello (rispettando le disposizioni vigenti per l'accesso)
  • via e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (attendendo per il ritiro conferma via mail dall’ufficio)

 

Si ritira di persona allo sportello 1. (rispettando le disposizioni vigenti per l'accesso) 

 

Presupposti per il rilascio

Occorre presentare il  documento originale sul quale si chiede che venga apposta la postilla o la legalizzazione

Se la richiesta viene inoltrata tramite posta elettronica, allegare:

-  scansione dell’atto da postillare/legalizzare

(N.B. Anche in questo caso è necessario presentarsi allo sportello per il ritiro, esibendo l’atto originale.)

 

Costi

nulla.

 

Tempi e modalità di rilascio

2 giorni lavorativi.

 

Avvertenze

Fra Italia e Belgio, Francia, Irlanda, Danimarca o Lettonia non occorre né legalizzazione né postilla, ai sensi della Convenzione di Bruxelles del 25 maggio 1987.

Allo sportello si accede solo previo appuntamento.

Link
istituzionali:
Pres Rep
Gazz Uff
Gazz Uff
Gazz Uff
Gazz Uff